Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 giugno 2012 7 10 /06 /giugno /2012 23:39

Arte ed ecologia, un abbinamento possibile e auspicabile, ci viene insegnato da Caroline Macfarlane e Vanessa Nicholas che hanno trovato un modo nuovo per ridare vita a vecchi oggetti dimenticati, in questo caso biciclette.

Riciclare con ingegno, strizzando l’occhio al design è stata la prova che hanno dovuto affrontare e non è possibile non convenire sul fatto che siano riuscite, con intelligenza e creatività, a superarla; brillante e unica è stata l’idea di trasformare bici abbandonate in arredo urbano.

Il metodo?

Semplice, una nuova vita si può reinventare anche solo cambiando colore ed eventualmente  sfruttando un cestino per inserire fiori colorati; ora, fuori dall’OCAD U Student Gallery è possibile ammirare questo progetto che con semplicità riesce a rallegrare e dare un’aria nuova e romantica alla zona in cui le due donne lavorano, Dundas Street West in Canada.

Dal loro sito raccontano che, dopo essere state multate dal comune, hanno ricevuto solidarietà da tutto il mondo  gettando così le basi per il “THE GOOD BIKE PROJECT”,  che salva biciclette arrugginite e colora il paesaggio urbano.

Arancio, rossa, rosa, gialla, verde e blu, di certo, tra tutte potrete trovare quella che soddisferà il vostro gusto e, se dovessero piacervi proprio tanto, unitevi al gruppo di fan su Facebook, non ve ne pentirete.

 

Condividi post

Repost 0
Published by consiglidivitaquotidiana - in Ecologia
scrivi un commento

commenti

manu 06/13/2012 08:50

non so cosa non si inventerebbero per dare un po' di multe...:)

consiglidivitaquotidiana 06/13/2012 09:43



Davvero! Strano non sia successo in Italia... 



Letizia 05/16/2012 22:16

Vado a sbirciare su Fb....

consiglidivitaquotidiana 05/17/2012 10:05



Buona sbirciata 



Monica C. 05/16/2012 18:30

Che bello le bici colorate... C'era da immaginarlo che venivano multate!

consiglidivitaquotidiana 05/16/2012 21:04



Si ma veramente... non ci sono parole! Invece di essere contenti di un bell'arredo di design gratuito, si inventano di multarle ... mmmah!